In attesa dell’Accordo Stato-Regioni, ecco le novità in materia di formazione

Nuovi obblighi formativi in materia di salute e sicurezza sul lavoro entreranno in vigore con l’Accordo Stato-Regioni previsto entro il 30 giugno 2022. Grazie a questa intesa le disposizioni esistenti verranno modificate e aggiornate, ma sarà la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato e le Regioni a definire precisamente le nuove misure.

L’Ispettorato del Lavoro ha già dato importanti indicazioni in materia attraverso la Circolare n.1 del 16 febbraio 2022, queste interessano datori di lavoro, dirigenti e preposti, e sono state già introdotte dall’art 13 del Decreto Fisco-Lavoro, decreto-legge n. 146/2021 (convertito in Legge n. 215/2021). Sono previste, infatti, disposizioni relative all’addestramento in materia di salute e sicurezza sul lavoro che riguardano tutti gli attori coinvolti nel processo lavorativo. Nello specifico, le modifiche che verranno effettuate definiranno gli obblighi a carico del datore di lavoro, le modalità di verifica, gli aggiornamenti e i controlli relativi all’efficacia della formazione durante lo svolgimento dell’attività.

Infine, con la legge 215/2021 si stabilisce che l’addestramento è parte della prova pratica per il corretto uso di strumenti e apparecchiature di lavoro, nonché dei dispositivi di protezione individuale e comprende esercitazioni per garantire la sicurezza nello svolgimento delle procedure di lavoro.

Foto di copertina creata da Freepik – www.freepik.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.